FANDOM


Sirius Black III (3 novembre 1959 - 18 giugno 1996), conosciuto anche con il soprannome di Felpato, era un Mago Purosangue appartenente alla Famiglia Black. Era molto amico di Lily e James Potter nonchè padrino del loro figlio, Harry Potter. Muore nello scontro con i Mangiamorte al Ministero della Magia per mano della cugina Bellatrix Lestrange.

Biografia

Dinamiche familiari 

Sirius era l'erede della Casata dei Black, una antica e nobile famiglia di maghi Purosangue. I suoi genitori, Orion e Walburga Black, erano entrambi Black di nascita e cugini di secondo grado. Sirius aveva un fratello minore, Regulus Black, che morì dopo essersi schierato anche lui contro Lord Voldemort nel 1979.

"Sirius" è un nome tradizionale nella Famiglia Black, ricorrente nelle ultime tre generazioni e coerente con l'usanza di famiglia di chiamare i bambini con i nomi di stelle, costellazioni e galassie.
Sirius222.nb

Sirius Black nella foto del manifesto che venne attaccato a: Hogwarts, Hogsmeade, al Ministero della Magia e in altri luoghi magici dopo la sua fuga da Azkaban.

La famiglia Black credeva nella supremazia dei maghi Purosangue. Si rifiutavano di accettare delle unioni con dei Babbani o dei Nati Babbani. Per esempio rifiutarono di riconoscere un prozio di Sirius, Marius Black, per essere un Magonò e imposero che tutti si sposassero solo con altri membri di famiglie purosangue. Loro avevano anche una forte venerazione per le Arti Oscure. Sirius rifiutò questi valori, entrando in forte conflitto con la famiglia. Aveva perfino assicurato alle pareti della sua stanza, con l'Incantesimo di Adesione Permanente, lo stendardo di Grifondoro come anche foto di ragazze Babbane in bikini e di motociclette, per enfatizzare la differenza con la famiglia e irritare i suoi genitori. Quando le sue cugine Bellatrix e Narcissa fecero dei consoni matrimoni purosangue, rispettivamente con Rodolphus Lestrange e Lucius Malfoy, Sirius le disprezzò. La sua cugina preferita, Andromeda, fu invece riconosciuta dalla famiglia come traditrice del suo sangue quando sposò Ted Tonks, un mago Nato Babbano.

Sirius poco tempo dopo condivise lo stesso destino, venendo disprezzato, se non perfino odiato, da ogni altro membro della sua famiglia. Comunque, più tardi, ebbe occasione di stabilire rapporti di amicizia con la figlia di Andromeda Tonks, Nimphadora Tonks, come anche con Harry (che ha sempre considerato come un figlio), con gli amici di Harry, Ron Weasley ed Hermione Granger, e con la Famiglia Weasley, con la quale era anche imparentato tramite Cedrella Black, cugina dei suoi nonni Pollux e Arcturus e madre di Arthur Weasley

Infanzia

Sirius fu infelice durante l'infanzia; dal periodo dell'adolescenza cominciò a odiare molti, se non tutti, i membri della sua famiglia, a cominciare da sua madre e da sua cugina Bellatrix. Mentre, tutti gli altri membri della sua famiglia furono assegnati alla Casa di Serpeverde, lui fu ammesso a quella di Grifondoro, dimostrando che le sue idee erano già divergenti da quelle del resto della famiglia ancora prima che iniziasse la scuola. In contrasto, lui si divertì moltissimo a vivere a Hogwarts, dove era inseparabile dal suo migliore amico, James Potter, così come da Remus Lupin e da Peter Minus. Remus, come scoprirono in seguito, era un lupo mannaro. Per potergli stare vicino, Sirius, James e Peter segretamente - e anche illegalmente - divennero Animagus e ciò permise loro di poter accompagnare Remus durante le sue trasformazioni e di tenerlo sotto controllo. Sirius prese le sembianze di un enorme cane nero, da cui derivò il suo soprannome, Felpato. Gli amici chiamarono il loro gruppetto Malandrini: Lunastorta, Codaliscia, Felpato e Ramoso, il primo per la sua condizione di Lupo mannaro e gli altri tre per la loro sembianza di Animagus.  Sebbene lui stesso disse di essere stato "un idiota" in quel periodo, lui e James erano molto popolari: gli insegnanti rispettavano la sua intelligenza, ma non la sua condotta, e gli studenti adoravano il suo umore pungente, che condivideva con James e più tardi anche con Harry. Molto affascinante con lunghi capelli neri e occhi grigi, Sirius era molto popolare anche tra le ragazze. Molti insegnanti consideravano lui e James combinaguai e buffoncelli; Hagrid una volta li comparò ai birichini gemelli Weasley.

Comunque la popolarità di Sirius non era universale. Da subito nacque un reciproco odio tra James e Severus Piton. Sirius ovviamente era dalla parte di James. Considerava Piton un "piccolo eccentrico con gli occhi puntati sempre verso le Arti Oscure". Lui e James esagerarono più di una volta pur di prendersi gioco di Piton. Mentre Harry guardava uno dei ricordi di Piton nel Pensatoio, vide Sirius e James infastidire Piton fisicamente solo perché erano annoiati. Sirius cercò di giustificarsi dicendo che i ricordi di Piton erano basati sulla sua vena malvagia, anche se ammise che lui e James erano molto arroganti e che era pentito di averlo fatto.

Più tardi nella sua carriera scolastica a Hogwarts, l'odio tra Piton e Sirius raggiunse il culmine: Sirius imbastì uno scherzo che poteva rivelarsi letale per Severus. Per scherzo lo informò di come fare per entrare nel tunnel sotto il Platano Picchiatore, passaggio che lo avrebbe portato alla Stamberga Strillante dove, all'oscuro di Piton, Remus Lupin era confinato durante le sue trasformazioni. Piton vi si recò durante la luna piena, e James non potè fare altro che salvarlo. Sirius, scusandosi per la sua azione, disse che in realtà lui aveva detto a Piton quello che voleva sapere sul tunnel, omettendo le informazioni cruciali. Il risentimento che Piton provò per Sirius da quel momento, non fu mai sanato.

All'età di sedici anni, Sirius decise di allontanarsi definitivamente dalle sua famiglia e trovò rifugio da James, dove venne accolto come un secondo figlio. Sua madre, infuriata, fece sparire il suo nome dall'albero genealogico della famiglia Black, bruciandolo. Alphard Black, zio di Sirius, fratello minore di Walburga, che era molto legato al suo giovane nipote, gli lasciò una grossa eredità, cosa che spinse Walburga a bruciar via anche il suo nome. Sirius divenne economicamente indipendente grazie al lascito dell'adorato zio.

Prima Guerra dei Maghi

Dopo aver lasciato la scuola, Sirius si mise a combattere contro Voldemort, fondando, insieme ad altri, l'Ordine della Fenice. Nel 1977, lui e James furono coinvolti in un inseguimento in motocicletta con due poliziotti. All'inizio la cosa era divertente, ma divenne leggermente più seria quando vennero attaccati da tre uomini su manici di scopa. Sirius e James usarono le bacchette per sollevare in aria la macchina dei poliziotti che li avevano inseguiti, e i tre sulla scopa ci andarono addosso.

Sirius continuò ad essere amico di James, partecipò al suo matrimonio con Lily Evans e gli fece da testimone. Quando il loro figlio Harry nacque, decisero che Sirius sarebbe stato il suo padrino, nominandolo suo tutore in caso della loro morte. Sirius regalò a Harry il suo primo manico di scopa per il primo compleanno, come detto anche da Lily in una sua lettera.

Dopo aver riunito l'Ordine della Fenice, Sirius si trovò in situzioni di diffidenza e di stress dovuto al terrore che incuteva Lord Voldemort. Dal 31 ottobre perse la fiducia del suo amico Remus Lupin che lo sospettò di essere stato una spia e di avergli nascosto delle informazioni importanti. Ripose però la sua fiducia in Peter Pettigrew, azione per la quale poi ebbe di che pentirsi per il resto della vita.

Nel 1981, i Potter si resero conto che Harry, e il figlio di Frank Paciock e Alice Paciock, altri due membri dell'Ordine, erano diventati gli obiettivi principali di Lord Voldemort. Albus Silente consigliò loro di nascondersi usando l'Incanto Fidelius, che sperava potesse salvarli dal loro destino. James era irremovibile sul fatto che fosse Sirius il loro Custode Segreto, convinto che Sirius avrebbe preferito morire piuttosto che svelare la loro collocazione. Comunque, credendo che Voldemort avrebbe sospettato di lui, Sirius suggerì che fosse qualcuno di poca importanza e senza particolare talento a prendere il suo posto. Il custode segreto divenne perciò Peter Pettigrew. Non rivelandolo a nessuno, neanche a Silente e Lupin, Sirius e i Potter riassegnarono il compito del Custode Segreto a Peter usando invece Sirius come esca.

Prigionia

La notte di Halloween del 1981, Sirius si recò al nascondiglio segreto di Pettigrew, ma non lo trovò. Disorientato per la mancanza di segni di lotta, Sirius corse frettolosamente a Godric's Hollow, trovando però la casa dei Potter distrutta e i suoi amici morti; solo il piccolo Harry era ancora vivo. Quando Rubeus Hagrid apparse per salvare Harry, come ordinatogli da Albus Silente, Sirius propose che fosse lui a prendersi cura del bambino. Ma Hagrid disse che Silente aveva già mandato una lettera alla sorella di Lily, Petunia Dursley, per avvisarla dell'arrivo del piccolo. Sirius si arrese e diede la sua moto volante a Hagrid, dicendo che lui non ne aveva più bisogno.

Dopo aver lasciato Godric's Hollow, Sirius rintracciò Peter con l'intento di ucciderlo per vendetta. Comunque, Pettigrew superò in astuzia Black: si scontrò con Sirius per strada, quindi la fece saltare in aria fingendo la sua stessa morte, lasciandosi alle spalle un pezzo di dito come prova, e uccidendo anche dodici Babbani. Sirius fu arrestato dal Dipertimento di Applicazione per la Legge Magica e fu incarcerato ad Azkaban per l'assassinio di Minus, per la morte dei Babbani, per aver rivelato informazioni importanti sui Potter causando la loro morte e per essere al servizio di Lord Voldemort. Fu Bartemius Crouch Sr. ad incarcerarlo ingiustamente, peraltro senza processo. Passò i seguenti dodici anni rinchiuso in una cella di isolamento sotto lo sguardo vigile delle guardie di Azkaban, i Dissennatori.

Portato quasi alla pazzia, ma reso forte dalla sua innocenza cercò di mantenersi sano di mente. Era più un'ossessione che una serie di pensieri positivi che gli diede un po' di conforto. Era comunque ossessionato dall'odio che covava per Pettigrew che gli aveva strappato gli amici più cari.

Poraccio sirius

Sirius durante la prigionia

Fuga da Azkaban

Sirius Black è la prima ed unica persona che sia mai riuscita a scappare da sola dalla prigione dei maghi di Azkaban. Tutto accadde dopo che scoprì che Pettigrew era ancora vivo e si nascondeva a Hogwarts dietro le sue sembianze di Animago con il nome di Crosta, il topo che Percy Weasley aveva donato a Ron Weasley. Lo apprese dopo che lo vide nella sua forma di topo con i Weasley in una foto di un articolo in prima pagina sulla Gazzetta del Profeta, ripetendo più volte nel sonno "È a Hogwarts". Tutti, credendo che fosse lui il colpevole della morte dei Potter e un sostenitore di Voldemort, pensarono che la frase si riferisse a Harry e che volesse ucciderlo. Ricolmo di desiderio di vendetta, si trasformò nella sua forma di Animagus. L'incapacità dei Dissennatori di percepire la semplice mente canina, insieme alla grande perdita di peso dovuta alla malnutrizione, gli permisero di passare tra le sbarre della cella. Sirius trovò un rifugio vicino a Hogsmade, dove fu intravisto alcune volte e scambiato per un Gramo. Riuscì a stabilire un contatto con Grattastinchi, il gatto di Hermione Granger, che aveva subito capito che lui non era un vero cane e anche la vera natura di Crosta. Mezzo pazzo e disperato, entrò a Hogwarts, e in un'occasione, sfregiò il quadro della Signora Grassa che non gli aveva permesso di entrare nella Torre di Grifondoro. In seguito riuscì ad entrare nella sala comune dei Grifondoro grazie ad una lista di parole d'ordine scritte su un foglietto che erano state rubate da Grattastinchi a Neville Paciock, e a distruggere la tenda del letto di Ron Weasley per cercare di prendere Crosta. Harry, non sapendo la verità era convinto che Sirius avesse tradito i suoi genitori e che ora stesse cercando di uccidere lui.

Dopo una serie di eventi e dopo alcune spiegazioni da parte di uno dei migliori amici di Sirius, Remus Lupin, Harry scoprì la verità su di lui. Dopo di che fermò Sirius dall'uccidere Pettigrew, pensando che fosse meglio costringerlo a confrontarsi con la giustizia, ma lui riuscì a scappare e a tornare al servizio di Lord Voldemort.

Sirius venne per breve ricatturato dai Dissennatori, e fu condannato a subirne il Bacio, sorte peggiore della morte. Miracolosamente, Harry ed Hermione riuscirono a farlo scappare, usando il Giratempo della ragazza. Sirius divenne nuovamente un ricercato, ma vivo e con l'anima intatta.

Eventi intorno al Torneo Tremaghi

Sirius fuggì per l'Europa, al di là della giurisdizione del Ministero della Magia. Comunicava con Harry via gufo molto raramente per mascherare la sua posizione. Harry, in caso di bisogno, sapeva di poter sempre contare sui consigli di Sirius.

Quando Harry venne misteriosamente iscritto al Torneo Tremaghi, Sirius tornò rapidamente in Inghilterra anche perché Harry lo aveva precedentemente informato che la sua cicatrice gli faceva male da tempo. Questo poteva essere interpretato solo come un segnale della presenza di Voldemort o della sua potenza. Sirius riuscì a nascondersi poco fuori Hogsmeade e a essere di grande supporto a Harry per tutto quel periodo.

Il secondo Ordine della Fenice

Con Voldemort di nuovo con delle sembianze fisiche, Silente riattivò l'Ordine della Fenice. Sirius donò la sua grande casa di famiglia al N°12 di Grimmauld Place a Londra come Quartier Generale dell'Ordine. Sfortunatamente a causa del fatto di essere ancora ricercato dalla autorità, Sirius non potè allontanarsi dalla casa, e questa impossibilità di rendersi utile lo fece diventare un po' scontroso e freddo. Quando lasciò coraggiosamente la casa per salutare Harry in partenza per Hogwarts, Draco Malfoy con cattiveria si complimentò con Harry per il suo cagnolino, suggerendo che la copertura di Sirius era saltata. Sirius e Harry rimasero in contatto durante tutto l'anno via gufo e via Polvere Volante, anche se la presenza di Sirius venne quasi scoperta da Dolores Umbridge, durante la sua gestione dittatoriale di Hogwarts, che la spinse a chiudere tutti i camini del castello.

Sirius si comportò come un padre e come un fratello maggiore per Harry mentre il ragazzo soffriva i soprusi della Umbridge, incoraggiandolo ad opporsi ai suoi metodi e appoggiando la sua idea di gestire un gruppo segreto di difesa, l'Esercito di Silente.

Battaglia dell'Ufficio Misteri e morte

Voldemort usò il potere della Legilimanzia per mettere una finta visione di Sirius intrappolato nell'Ufficio Misteri, nella mente di Harry. Il ragazzo era convinto che Sirius fosse stato torturato e così, con Ron, Hermione, Ginny, Neville e Luna, volò a Londra a cavallo dei Thestrall. I ragazzi si fecero strada attraverso un Ministero deserto e riuscirono ad entrare nell'Ufficio Misteri giusto per subire un'imboscata dei Mangiamorte.

Ironicamente, fu proprio Severus Piton a salvar loro la vita avvisando i membri dell'Ordine. Sirius, Kingsley Shacklebolt, Nimphadora Tonks, Remus Lupin, Alastor Moody e successivamente anche Albus Silente, arrivarono in loro aiuto e cominciarono a dar battaglia ai Mangiamorte. Tragicamente, durante un frenetico duello tra Sirius e la sua odiata cugina Bellatrix Lestrange, l'uomo venne colpito da "un fiotto di luce rossa", che lo spinse oltre il velo alla morte.

Ci vollero anni prima che Harry si riprendesse dal dolore provato nel perdere il suo padrino. Sirius appare per l'ultima volta a Harry durante la sua coraggiosa decisione di affrontare da solo Lord Voldemort durante la Battaglia di Hogwarts. Sirius dà il suo supporto a Harry mentre si reca verso la sua prematura morte, dicendogli che morire è "più veloce e più facile che addormentarsi". Gli promette anche di rimanere parte di lui.

Post-mortem

Di fronte all'evidenza della colpevolezza di Peter Pettigrew nell'omicidio di James Potter e Lily Evans e di altri innocenti, Sirius fu scagionato.

Non è noto se Sirius abbia mai avuto figli. Come disse Phineas Nigellus attraverso il suo ritratto, la linea maschile della Casata dei Black finisce ufficialmente con la morte di Sirius. I diritti degli eredi in vita come Nimphadora Tonks (seconda cugina di Sirius, che fu diseredata), come anche Draco Malfoy, furono soprasseduti dal volere di Sirius, che nominò Harry Potter come suo unico erede. Così, per suo volere, Harry ereditò il N°12 di Grimmauld Place, l'ippogrifo Fierobecco, l'elfo domestico Kreacher, e il resto della fortuna dei Black.

Kreacher, forzato a servire Harry dal volere di Sirius, è mandato a lavorare nelle cucine di Hogwarts (imposizione che fa aumentare l'odio di Kreacher per Harry). Fierobecco passò sotto le cure di Rubeus Hagrid, con il nome di Alisecco.

La sua moto volante rimase in possesso di Hagrid fino a quando gli fu utile per portare via Harry dal N°4 di Privet Drive, poco prima del diciassettesimo compleanno del ragazzo. La moto finì schiantata durante l'imboscata subita dall'Ordine da parte dei Mangiamorte. Arthur Weasley recuperò tutti i pezzi e la riparò.

Caratteristiche fisiche

Sirius era alto, magro e, quando era giovane, anche molto avvenente. Aveva i capelli lunghi e scuri, penetranti occhi grigi, e un atteggiamento di "casuale eleganza". Anche lui, come tutti gli altri membri della Famiglia Black, era arrogante, e da giovane attirava l'attenzione di molte ragazze. Comunque, così come sua cugina Bellatrix Lestrange, il suo bell'aspetto risentì molto degli anni di prigionia ad Azkaban. Nel loro primo incontro nel 1993, Harry pensò che avesse l'aspetto di un vampiro, emaciato con la pelle pallida e cerosa.

Tratti della personalità

Sirius era molto coraggioso e anche molto leale, come dimostrò durante le guerre e con lo spirito di sacrificio nel morire per quelli che amava. Era un mago talentuoso e ingegnoso, anche se durante l'adolescenza era un combinaguai arrogante e spesso importunava i suoi compagni,specialmente Severus Piton, insieme al suo amico James. Era molto cattivo con le persone che odiava: mandando Piton alla Stamberga Strillante avrebbe potuto ucciderlo e far scoprire a tutti le condizioni di lupo mannaro del suo amico Remus Lupin. Era crudele anche con il suo elfo domestico Kreacher, anche se questa situazione era data più che altro dal fatto che l'elfo era devoto alla madre di Sirius e dal fatto che esprimeva sempre disprezzanti commenti verso i membri dell'Ordine della Fenice. A volte fu irresponsabile, rischiando di essere catturato dal Ministero della Magia perché si sentiva impriginato in casa propria e arrischiando Harry in azioni un po' troppo pericolose. Molto di questo può essere stato causato della lunga prigionia ad Azkaban, bloccando il suo sviluppo emotivo, rendendolo particolarmente impaziente di passare il tempo e di proteggere le persone che amava. Comunque, la sua vera natura, non diede segni di cedimento, neanche dopo i lunghi anni ad Azkaban.

Relazioni

Famiglia

BellaNarc

Bellatrix e Narcissa, cugine di Sirius

All'età di 11 anni venne asseganto alla casa di Grifondoro, la sua famiglia ne rimase molto delusa. Sirius, in cambio, divenne un ribelle, dimostrando tutta la sua fedeltà alla Casa e disdegnando i valori famigliari sulla purezza di sangue. Le sue relazioni con la madre e con la cugina Bellatrix Lestrange divennero particolarmente ostili; Walburga diseredò Sirius quando lasciò la casa all'età di 16 anni, bruciando via il suo nome dall'albero di famiglia, e riservando al fratello Alphard lo stesso trattamento solo per aver lasciato dell'oro al nipote. Si sa poco della relazione di Sirius con suo fratello minore Regulus Black, ma dall'unione di Regulus ai Mangiamorte, e dal modo in cui Sirius commentò la morte del fratello nel tentativo di allontanarsi da loro, fa capire che i due non erano molto legati.

Sirius sosterrà successivamente di "averli sempre odiati tutti", ad eccezione di sua cugina Andromeda Tonks, la quale rifiutava a sua volta il valore della purezza di sangue e che sposò un mago nato babbano. Dopo la sua fuga da Azkaban, Sirius strinse rapporti con la figlia di Andromeda, Nimphadora Tonks, anche lei membro dell'Ordine della Fenice. Venne poi ucciso da sua cugina Bellatrix durante la Battaglia dell'Ufficio Misteri durante un duello, nel quale Bellatrix si stava prendendo gioco di lei. L'altra sua cugina, Narcissa Malfoy, ha sempre dimostrato di tenere Sirius poco in considerazione, come anche dal fatto che si prese gioco della sua morte davanti a Harry Potter quando ebbero modo di scontrarsi nel 1996.

I Malandrini

Mentre la sua famiglia lo evitava, Sirius guadagnava tre grandi amici che erano di Grifondoro come lui: James Potter, Remus Lupin e Peter Pettigrew. Il gruppetto era molto conosciuto e amato per le loro burle. Quando scoprirono che Remus era un lupo mannaro, invece di isolarlo come molti avrebbero fatto, loro si sforzarono di diventare Animaghi in modo da potergli tenere compagnia durante le notti di luna piena. Quando Sirius se ne andò di casa all'età di 16 anni, la famiglia di James si prese cura di lui. Dopo il diploma, il gruppo di amici si unì all'Ordine della Fenice. Sirius fu il testimone di James per il suo matrimonio con Lily Evans, e anche padrino del loro figlio. I Malandrini. In un momento imprecisato durante la Prima Guerra dei Maghi, Sirius perse fiducia in Remus, pensando che potesse essere una spia. Così che non gli rivelò di aver deciso di non essere più il Custode Segreto dei Potter quando divennero uno degli obiettivi di Lord Voldemort, facendosi invece sostituire da Peter. La morte di James e Lily devastò Sirius, che avrebbe voluto morire al loro posto e che avrebbe sentito la mancanza del suo migliore amico per tutta la vita. Fu spedito ad Azkaban al posto di Peter, e Remus all'inizio pensò davvero che lui potesse essere colpevole. Quando riuscì a scappare dalla prigione nel 1993, raccontò a Remus la verità, e i due insieme, cercarono un modo per uccidere Peter per il suo tradimento, anche se alla fine vennero fermati da Harry. I due riuscirono quindi a ristabilire una buona amicizia.

Severus Piton

Il rapporto tra Sirius e Severus Piton cominciò subito con il piede sbagliato quando si incontrarono per la prima volta sull'Espresso per Hogwarts al primo anno, così come anche con James Potter, che divenne il migliore amico di Sirius. Sirius si scontrò con Piton dopo che quest'ultimo si era preso gioco del desiderio di James di diventare un Grifondoro, affibiandogli così il soprannome di "Mocciosus". Anche se quello era solo uno dei tanti. Piton, geloso della loro popolarità, li seguiva ovunque, cercando di metterli nei guai. James e Sirius si presero gioco di Piton apertamente durante tutti gli anni a Hogwarts, a volte semplicemente perché si annoiavano. Una volta Sirius giocò un tiro potenzialmente mortale a Piton, spiegandogli come fare per entrare nella Stamberga Strillante omettendo però il fatto che dall'altra parte avrebbe potuto incontrare un lupo mannaro, dimostrando una scioccante noncuranza per la salute di Piton. Sirius e Piton mantennero le loro diatribe anche in età adulta. Piton era impaziente di vedere Sirius sottoposto al Bacio del Dissennatore, un destino peggiore della morte, dopo la sua fuga da Azkaban nel 1993, anche se il suo sforzo di catturare Sirius venne contrastato da Harry Potter, Hermione Granger e Ron Weasley. Successivamente, Piton si divertì nello schernire Sirius per la sua "inutilità" all'Ordine, mentre era forzato a rimanere nascosto al N°12 di Grimmauld Place, e i due si continuarono a punzecchiare ad ogni occasione.

Harry Potter

Sirius era il padrino di Harry Potter, e si comportò con lui come un confidente e come un padre. Sirius era l'unica persona con cui Harry si sentisse a suo agio nel parlare del dolore alla cicatrice nel 1994. Alcuni degli altri membri dell'Ordine criticavano il comportamento di Sirius nei confronti di Harry, dicendo che lui si comportava come se Harry fosse James, invece che un ragazzino. Sirius condivise con Harry molte informazioni sulla Prima Guerra dei Maghi, molte con la disapprovazione di Molly Weasley, e supportò Harry e i suoi amici nel sabotaggio alle regole dittatoriali applicate da Dolores Umbridge durante il quinto anno. Voldemort attirò con l'inganno Harry all'Ufficio Misteri nel 1996, mostrandogli delle immagini di un Sirius sofferente, sapendo che Harry avrebbe fatto qualunque cosa per poter salvare il suo padrino. Fu devastato dalla morte di Sirius, e lo spirito di Sirius, insieme a quello dei suoi genitori e di Remus, gli parlò attraverso la Pietra della Resurrezione nel 1998.

Harry chiamerà poi il suo primo figlio James Sirius in loro onore.

Commenti dell'autrice

J.K. Rowling ha scritto sul suo sito ufficiale che le piace molto Sirius, anche se non crede sia la persona più meravigliosa del mondo:

"Sirius è bravissimo ad esporre splendide filosofie personali, ma non sempre razzola bene... Per esempio, nel "Calice di Fuoco" dice che, se vuoi sapere davvero com'è una persona, devi guardare come tratta i suoi inferiori e non i suoi pari. Ma Sirius detesta Kreacher, l'elfo domestico che ha ereditato, e lo tratta con disprezzo. Altro esempio: sostiene che nessuno è totalmente buono o totalmente cattivo, eppure dal modo in cui si comporta con Piton si capisce che non può neanche immaginare che abbia qualcosa di buono. Naturalmente la maggior parte di noi usa due pesi e due misure; anche quando sappiamo come ci dovremmo comportare, non è detto che riusciamo a farlo! [...] La grande qualità di Sirius è la sua capacità di voler bene. Ha amato James come un fratello e ha trasferito quell'affetto su Harry."

Dietro le quinte

  • Se James Potter è il figlio di Charlus Potter e Dorea Black, lui e Sirius sarebbero cugini di secondo grado.
  • Nella versione cinematografica della Battaglia dell'Ufficio Misteri, Sirius venne ucciso con l'Anatema che Uccide da Bellatrix Lestrange e sopravvive sei secondi prima di cadere oltre il velo. Nel libro cade immediatamente oltre il velo e viene ucciso da un incantesimo senza nome.
  • Nell'Ordine della Fenice Sirius descrive la morte di suo fratello Regulus come se fosse stata provocata dall'Anatema che Uccide. Ma ne I Doni della Morte, è stabilito che Regulus morì intrappolato dagli Inferi della Caverna del Medaglione.
  • Nell'Ordine della Fenice, quando Sirius arriva all'Ufficio Misteri con altri membri dell'Ordine, Sirius dice rivolto a Lucius Malfoy "allontanati dal mio figlioccio". Fatto che non appare nel libro.
  • Ancora nel film, Sirius senza volerlo provoca la distruzione della Sfera della Profezia spingendo Lucius Malfoy che cade e lascia andare la sfera, contrariamente al libro, in cui è Neville Longbottom a farla cadere.
  • Sempre nel film Harry Potter e l'Ordine della Fenice, durante lo scontro con i Mangiamorte Sirius chiama Harry "James". Questo può essere considerato come una sorta di "lapsus volontario", attraverso il quale Sirius vuol far capire ad Harry quanto lo ritenesse simile a James, sopratutto in situazioni in cui fosse necessario mostrare coraggio. Questa scena non è presente nel libro, mentre nel film queste sono in assoluto le ultime parole che Sirius rivolge ad Harry prima di morire.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale