Wikia

Italian Harry Potter Wiki

Mappa del Malandrino

Discussione0
1 357pagine in
questa wiki
Mappa-del-Malandrino
Mappa del Malandrino
Oggetto
Fabbricante

Malandrini

Fatto

Fra il 1975 e il 1978

Uso

Mappa del Castello di Hogwarts

Proprietari
«I signori Lunastorta, Codaliscia, Felpato e Ramoso
Consiglieri e Alleati dei Magici Malfattori
sono fieri di presentarvi
La Mappa del Malandrino»

— La Mappa del Malandrino[1]

La Mappa del Malandrino (ing: Marauder's Map) è una mappa del castello e del parco di Hogwarts. [1]

DescrizioneModifica

Di solito la Mappa è mascherata come una vecchia pergamena. Per rivelare la Mappa, bisogna sfiorarla con la bacchetta magica e dire «Giuro solennemente di non avere buone intenzioni». Per mascherarla, la si deve sfiorare con la bacchetta e dire «Fatto il misfatto».[1]

La Mappa mostra tutti i passagi segreti nella scuola, e se il passagio è protetto da una parola d'ordine, la Mappa spiega come aprirla.[1]

Mostra anche dove sono tutte le persone nel castello, pure quelle in forma Animagus e invisibili.

StoriaModifica

CreazioneModifica

La Mappa fu creata da Remus Lupin (Lunastorta), Peter Minus (Codaliscia), Sirius Black (Felpato) e James Potter (Ramoso) fra il 1975 e il 1978.[2] Argus Filch la confiscò durante il loro tempo a Hogwarts.

Fred e George WeasleyModifica

Durante il loro primo anno a Hogwarts, Fred e George Weasley rubarono la Mappa del Malandrino all'ufficio di Argus Filch. Sperimentarono tutte le possibilità per aprire la Mappa fino a quando trovarono la frase per attivarla[3] Impararono la Mappa a memoria[1] prima di darla a Harry Potter nel suo terzo anno.

Harry Potter.Modifica

Durante il suo terzo anno a Hogwarts, Harry usò la Mappa per andare a Hogsmeade attraverso un passaggio segreto che porta direttamente nella cantina di Mielandia.

NoteModifica

  1. 1,0 1,1 1,2 1,3 1,4 Harry Potter e il Prigioniero di Azkaban - Capitolo 10: La Mappa del Malandrino
  2. Harry Potter e il Prigioniero di Azkaban - Capitolo 17: Gatto, topo e cane
  3. Intervista tra J.K. Rowling e Mugglenet (Inglese)