Fandom

Italian Harry Potter Wiki

Incantesimo

1 508pagine in
this wiki
Crea nuova pagina
Comments0 Condividi

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Confringo.gif

Un esempio di incantesimo

Un Incantesimo (Spell) è una magia che solitamente è accompagnata dalla pronuncia di una formula (quasi sempre di origine latina o greca, qualche volta in italiano o altre lingue attuali). Attraverso una bacchetta, gesti delle mani o non-verbalmente è possibile incanalare una forza magica per compiere azioni che un comune essere umano (definito Babbano) non potrebbe realizzare, per esempio incendiare un oggetto, farlo sollevare in aria o trasformarlo in qualcos'altro.

Gran parte delle volte un incantesimo è generato mediante un fiotto di luce colorata che si propaga in direzione del bersaglio e, in quanto visibile, può essere schivato, deviato o bloccato.

Non tutti gli incantesimi hanno la stessa natura o finalità ed è pertanto necessaria una loro classificazione.

In lingua inglese esistono nomi diversi, definiti dall'autrice J.K. Rowling, per designare magie distinte. In italiano, il termine incantesimo serve per indicare una magia in senso generale.

Nel dettaglio, per incantesimo si intende una magia che aggiunge certe proprietà ad un oggetto o ad un essere vivente.

Etimologia

"Incantesimo" viene dal verbo "incantare", a sua volta di origine latina con il termine canere, ovvero "cantare, recitare". La parola francese charme, che inglese è diventata charm come sinonimo di magia, è derivata dal latino carmen, ovvero "poesia, canzone" ma anche "filastrocca, formula magica". Infatti, in tempi antichi, presunti indovini e fattucchieri si servivano di ritornelli o formule per compiere i loro riti o magie.[1]

Incantesimo avrebbe dovunque il signficato di "cantare una formula" o meglio di "pronunciare una formula".

Origine

La magia e la successiva introduzione di bacchette è cosa antica, come testimoniano molti documenti ed artefatti sia magici che di origine babbana. Sebbene molti incantesimi abbiano l'aria di essere "preimpostati", ovvero come "da sempre esistenti" e quindi è bastato determinarne formula magica e movimento della mano (o altri gesti), è possibile anche cimentarsi nell'invenzione di incantesimi nuovi di zecca. Questa professione può essere molto rischiosa, nonché dagli esiti incerti: la signora Lovegood, mamma di Luna, morì mentre faceva esperimenti del genere.

Alcuni incantesimi già noti possono poi essere potenziati o se ne possono determinare delle varianti, con più o meno gli stessi effetti. E' il caso, per esempio, di Protego e Protego Maxima o Protego Horribilis.

Classificazione

Nota bene: questa classificazione ha lo scopo di chiarire le idee sui diversi termini che si incontrano parlando di magia. Non tutti gli incantesimi rientrano in una sola categoria, bensì possono anche sconfinare in un'altra o in altre. Uno stesso incantesimo, inoltre, può essere giudicato in categorie diverse a seconda degli aspetti che si valutano.

Esempio: Melofors è un incantesimo di Trasfigurazione che però può essere visto come una Fattura se lo si vede come uno scherzo di cattivo gusto. La Pietrificazione è una magia oscura, che tuttavia viene insegnata anche ad Hogwarts perché può essere un'ottima arma di difesa, così come un tentativo di Trasfigurazione.

Tipologia

Definizione

Note

Esempio

Trasfigurazione

(Transfiguration)

Altera la forma e/o l'aspetto dell'oggetto o della persona

Sottogruppi:


  • Trasfigurazione vera e propria
  • Evocazione
  • Evanescenza

Vera Verto - trasforma gli animali in calici colmi d'acqua

Avis - un'evocazione di uno stormo di uccelli appartentemente dal nulla

Incantesimo

(Spell)

Alterazione delle qualità o capacità di un oggetto.

Gli effetti possono anche durare a lungo o essere permanenti (per esempio Incendio brucia irreversibilmente la carta)

Expelliarmus è comunque incantesimo perchè fa passare l'avversario da "armato" a "non armato"

Fattura

(Jinx)

Magia nera di entità minore, con effetti irritanti ma spesso divertenti, di solito usata come un dispetto o uno scherzo di breve durata

Durano solo finché chi ha lanciato l'incantesimo mantiene il contatto visivo.[2]

Impedimenta - blocca l'oggetto nella sua posizione

Maleficio

(Hex)

Affligge negativamente l'oggetto. Ha un certo grado di magia nera, ma poco più di una fattura. Gli effetti sono molto più malevoli e duraturi

Anteoculatia - fa spuntare delle corna sulla testa dell'avversario

Maledizione

(Curse)

Il peggior tipo di Magia Nera con lo scopo di danneggiare gravemente chi viene colpito

Avada Kedavra uccide sul colpo chi viene colpito

Controincantesimo

Inibisce o riduce gli effetti di un altro incantesimo o magia 

Esistono vari tipi di controincantesimi dipendenti dalla magia che si vuole bloccare. Tuttavia, controincantesimi efficaci non sono sempre disponibili contro ogni sortilegio e, in alcuni casi, possono essere del tutto vani (contro un Anatema che Uccide, per esempio, vi sono poche speranze di salvezza)

Finite Incantatem, un incantesimo largamente adoperato per farne cessare un altro non può essere usato per le maledizioni senza perdono(avada kedavra, crucio, imperio)

Incantesimi di Guarigione

Migliora le condizioni di salute di un essere vivente

Epismendo - cura fratture nasali e non solo

Come lanciare un incantesimo

Di solito sono necessari tre fattori chiave per lanciare (to cast in inglese) un incantesimo, quale che sia la sua natura:

  • Movimento corretto della mano o altri gesti accompagnati
  • Pronuncia il più possibile corretta della formula magica (a volte sono consentite delle leggere variazioni)
  • Intenzione

Se uno di questi viene a mancare, l'incantesimo generalmente non va a segno, può avere effetti indesiderati o può causare un "fuoco di ritorno" (Seamus Finnigan ne è un esempio).

Per quanto riguarda l'intenzione, specialmente nel caso di malefici o maledizioni, se non si ha sufficiente desiderio di provocare un danno o dolore, l'incantesimo sortirà un effetto minore. In Harry Potter e l'Ordine della Fenice, Harry lancia Crucio contro Bellatrix Lestrange; non essendo abituato a queste pratiche e non sapendo bene nemmeno lui come lanciarla, la maledizione colpisce sì Bellatrix, ma le causa un leggero fastidio, più che un dolore intenso.

Gli incantesimi possono essere verbali o non verbali, cioè non è sempre necessario dichiarare la formula magica dell'incantesimo che si vuole praticare. E' altresì vero che solo maghi abili ed abituati a fare certe magie, come il professor Silente, possono permettersi questo "lusso". Anche la bacchetta, a volte, non è fondamentale, sebbene faciliti notevolmente l'incanalarsi dell'energia nella giusta direzione..

Aspetto

Per quelli che sono gli incantesimi conosciuti, la maggior parte delle volte dalla bacchetta scaturisce una luce di varia intensità, forma e colore, spesso associata all'elemento che accomuna la magia all'effetto provocato (ad esempio le magie di fuoco avranno un colore come le fiamme, ovvero un rosso, arancione o giallo). Questa luce, che permette all'avversario di notare l'incantesimo in arrivo, può manifestarsi sotto forma di fulmini (Avada Kedavra), fiotti di energia (Expelliarmus), lampi (Oculus Reparo), luce pulsante (Lumos''''), "proiettili d'aria" (Ventus).

Alcuni incantesimi possono poi essere altamente specifici e, non avendo luce che mostri o catalizzi i loro effetti, si palesano una volta arrivati a segno (come gli incantesimi di Trasfigurazione).

Altre magie riguardano da vicino gli elementi. Aguamenti permette di maneggiare l'acqua, Incendio di generare fiamme, il già citato Ventus genera spostamenti d'aria ed infine altri come Defodio servono per scavare una superfie o il terreno.

Durata degli effetti

Tipicamente, gli incantesimi generici hanno solo effetti limitati nel tempo. Esempi come StupeficiumPetrificus Totalus lasciano intendere come certi sortilegi possano svanire con il trascorrere dei minuti o delle ore. Tutte quelle pratiche volte, invece, a causare dolore ed afferenti alla Magia Oscura sono più durature, talvolta permanenti.

La Rowling ha dichiarato che, mentre cercava di comprendere dove fosse il confine tra mortalità ed immortalità per un mago, ha scelto di rendere "incurabili" con metodi tradizionali tutte quelle ferite causate dalla magia. Per questo motivo non esiste incantesimo in grado di "guarire" chi è stato vittima dell'Anatema che Uccide o altre Maledizioni, da considerarsi pertanto definitivi.

Esempio: George viene colpito all'orecchio sinistro da Severus Piton con un Sectumsempra. Le cure dei babbani sono ottime per tamponare o chiudere la ferita, ma nessuna magia può far rinascere l'orecchio al ragazzo.

Esempio: Harry cade a terra e si taglia un gomito. Questo incidente "banale", non provocato da alcun sortilegio, può essere benissimo curato tramite un incantesimo adeguato, così come da rimedi magici.

Esempio: Frank ed Alice Paciock sono stati torturati a lungo mediante la Maledizione Cruciatus. Pur non avendo riportato ferite gravi, il trauma provocato dall'esperienza li ha resi pazzi e non esiste medicina babbana o terapia magica in grado di risolvere il problema.

Infine, se il mago muore, ogni incantesimo da lui praticato, rimasto ancora attivo, cessa all'istante. Ciò non si estende alle Maledizioni che, per primi, gli egizi lanciarono sulle loro tombe nelle Piramidi, magie tutt'ora attive.

Note

Inoltre su Fandom

Wiki a caso