FANDOM


Camera-dei-Segreti

L'inferno della Camera dei Segreti.

Harry Potter e la Camera dei Segreti è l'adattamento cinematografico del libro omonimo. Secondo episodio della serie Harry Potter, scritta da J. K. Rowling. 

Trama

Il film inizia a Privet Drive, durante le vacanze. Harry Potter sta passando un estate orribile perché i suoi migliori amici non gli hanno mai scritto. Gli Zii di Harry hanno invitato a cena un importante cliente e sua moglie, sperando di concludere con lui un grosso affare, e quindi lui è costretto a starsene in camera sua in silenzio. Harry, dunque tornato in camera, trova un elfo domestico di nome Dobby.

Egli si è materializzato per avvertire Harry di non tornare assolutamente a Hogwarts, dicendo che c'è un complotto in cui qualcuno vuole ripetere terribili eventi accaduti 50 anni fa. Dobby però si confessa ad Harry che è stato lui a non fargli ricevere lettere per tutta l'estate, sperando cosi di persuaderlo dal idea di tornare ad Hogwarts credendo di esser stato dimenticato. Harry quindi minaccia Dobby di dargli le lettere e quando questo scappa e corre di sotto, chiede a Harry di promettere che non ci andrà. In seguito al rifiuto di Harry, Dobby esegue una magia, facendo volare e successivamente cadere una torta sul viso della moglie del cliente e poi scomparire. Il cliente e la moglie quindi, offesi per ciò se ne vanno e così l'affare salta. Infuriato per ciò, lo Zio Vernon gli dice che non gli permetterà mai più di tornare ad Hogwarts e lo rinchiude nella sua stanza, bloccando la finestra con delle inferriate.

Successivamente, una notte i giovani Fred, George e Ron Weasley arrivano alla finestra di Harry a bordo della Ford Anglia volante del padre e lo liberano scardinando le sbarre. Lo portano cosi a casa dei Weasley (La Tana), dove Harry viene subito accolto e passerà li il resto del estate.

Arrivato il primo settembre, Harry e Ron non riescono ad attraversare la barriera magica tentando di raggiungere il binario 9 ¾ per prendere l'Espresso per Hogwarts. Dunque, perso il treno decidono di raggiungere Hogwarts con la Ford Anglia venendo però visti da alcuni Babbani, rischiando così di rivelare il mondo magico. Arrivati ad Hogwarts, l'auto si va a schiantare contro il Platano Picchiatore, la quale successivamente fugge nella Foresta Proibita. Entrati nel castello, trovano dunque ad attenderli il Professor Piton, che a causa dell'accaduto ha tutte le intenzioni di farli espellere. Tuttavia il Professor Silente e la professoressa McGranitt, sebbene molto contrariati, decidono di limitarsi a punirli e a scrivere alle loro famiglie.

Ad Hogwarts c'è un nuovo insegnate di Difesa contro le Arti Oscure: Gilderoy Allock.

Dopo un po di tempo, iniziano a verificarsi strani eventi, una sera mentre Harry, mentre si trova nel ufficio di Allock a scontare una punizione, sente una strana voce, e riunitosi con Ron e Hermione, essi gli dicono che non riescono a sentirla. Seguendola i tre amici trovano Mrs Purr, la gatta del custode Argus Gazza, pietrificata. Sul muro dietro di lei c'è una scritta di sangue che recita “La camera dei segreti è stata aperta, temete, nemici dell'erede!”.

Su richiesta di Hermione, la Professoressa McGranitt accetta di parlarne, raccontando che tutto ebbe inizio circa 1000 anni prima, quando Hogwarts venne fondata da Godric GrifondoroTosca TassorossoSalazar Serpeverde, e Priscilla Corvonero. Nacquero subito dei contrasti tra Salazar Serpeverde e gli altri tre, in quanto Serpeverde non voleva ammettere ad Hogwarts i figli di Babbani, ritenendoli inferiori. Alla fine Salazar lasciò la scuola e, secondo la leggenda, prima di andarsene costruì nei sotterranei della scuola la Camera dei Segreti, una stanza che sarebbe potuta essere aperta solo dal suo vero erede, al cui interno si celava un terribile mostro che, qualora liberato, avrebbe epurato Hogwarts dai mezzosangue. Tutti iniziano a chiedersi quindi chi possa essere l'erede di Serpeverde e Harry, Ron e Hermione sospettano di Draco Malfoy.

Harry, Ron ed Hermione decidono di cosi interrogare Draco, servendosi della Pozione Polisucco, la quale consente di assumere momentaneamente l'aspetto di un'altra persona. Tale pozione è però di lunga e difficile preparazione, e quindi per terminarla occorrerà almeno un mese.

Nel frattempo ricominciano le partite di Quidditch, e durante la prima Harry viene ferito da un Bolide truccato che continuava ad inseguire solo lui. Costretto da Allock, che gli ha fatto scomparire le ossa del braccio a passare una notte in infermeria, Harry riceve un'altra visita di Dobby, che ammette di essere stato lui a stregare il Bolide e anche a bloccare il passaggio per il binario 9 ¾, ma giura di averlo fatto solo per allontanarlo da Hogwarts in modo da salvargli la vita e lo supplica quindi di tornare dai Dursley. Harry si rifiuta, e quando Dobby scompare, Harry scopre che quella stessa notte c'è stato un altro attentato: Colin Canon, uno studente del primo anno appassionato di fotografia e con una grande ammirazione per Harry. Tutta la scuola è in subbuglio, e i professori decidono di fondare il Club dei Duellanti per insegnare agli studenti a difendersi. Il primo incontro si svolge quindi tra Harry e Malfoy, quest'ultimo fa apparire un serpente che sembra intenzionato ad attaccare Justin Finch-Fletchley, e Harry gli dice di non farlo. Perl senza rendersene conto, egli inizia a parlare in Serpentese. Tutti rimangono sbalorditi nell'apprendere che Harry è un Rettilofono, poiché questa è una rara abilità appartenuta anche a Salazar Serpeverde. Molti studenti si convincono che sia proprio lui l'erede e iniziano ad evitarlo. Harry stesso comincia a dubitare di se stesso, chiedendosi perché possieda certe insolite capacità e ripensa, quando viene convocato da Silente nel suo studio rivedendo il cappello parlante che egli voleva inizialmente mandarlo a Serpeverde. Quella stessa sera, Harry "conosce" la Fenice di Silente, Funny. Successivamente la situazione si aggrava quando anche Justin e persino il fantasma Nick-Quasi-Senza-Testa vengono trovati pietrificati.

Finalmente, durante le vacanze di Natale, la pozione Polisucco è pronta, pertanto Ron e Harry assumono le sembianze rispettivamente di Tiger e Goyle per infiltrarsi nella sala comune di Serpeverde e tentare di sapere qualcosa da Malfoy. Tuttavia, contrariamente a quanto credevano, neppure lui ha idea di chi sia l'erede di Serpeverde. Malfoy, comunque, racconta che 50 anni prima la Camera dei Segreti era stata aperta una prima volta, ed era morta una studentessa. Harry e Ron, trovando nel corridoio acqua sul pavimento, tornano nel bagno di Mirtilla Malcontenta trovando un diario che risale proprio a quella data, appartenuto ad un certo Tom Orvoloson Riddle, uno studente di Hogwarts. Le pagine del diario sono totalmente bianche, ma Harry scopre che essendo un diario magico, scrivendo su di esso è possibile comunicare con lo stesso Riddle, il quale accetta di mostrargli degli eventi accaduti 50 anni prima. Catapultato nel passato, al quale assiste come un invisibile spettatore, Harry scopre che l'allora tredicenne Hagrid trovato nei sotterranei, dallo stesso Riddle a quel tempo prefetto di Serpeverde era stato accusato di aver aperto la Camera dei Segreti e fatto uscire il mostro che vi era rinchiuso, il quale aveva ucciso una studentessa. Si ritenne che il mostro fosse un' acromantula allora neonata di nome Aragog, trovata in possesso di Hagrid, che permise all'animale di scappare nella Foresta Proibita. Harry si rende conto che è questo il motivo per cui Hagrid era stato espulso da Hogwarts, con il divieto di praticare la magia.

Pochi giorni dopo, prima del inizio di una partita di Quiddtch che viene annullata, Harry e Ron vengono immediatamente chiamati in infermeria perchè si è verificata l'ennesima aggressione: Hermione viene trovata pietrificata, e nel mentre il diario di Riddle viene rubato. Harry e Ron decidono cosi che è giunto il momento di andare a parlare con Hagrid per chiedergli spiegazioni su ciò che era realmente accaduto 50 anni prima, ma prima che possano farlo Cornelius Caramell, Ministro della Magia arriva alla sua capanna per arrestare Hagrid e condurlo ad Azkaban, con l'accusa di aver nuovamente aperto la Camera dei Segreti.

Intanto, il professor Silente, su pressione di Lucius Malfoy, viene allontanato da Hogwarts con il pretesto di non essere stato in grado di gestire questa drammatica situazione. Prima di venir portato via, Hagrid riesce a lasciare a Harry e Ron un misterioso indizio, ovvero di “seguire i ragni”. Harry e un terrorizzato Ron seguono quindi i ragni fin dentro la Foresta Proibita, dove arrivati nella tana incontrano il gigantesco e vecchio Aragog, circondato dalla sua numerosa prole. I ragazzi riescono a scoprire che in realtà non era lui il mostro della Camera dei Segreti, ma bensì un mostro ancor più pericoloso di lui. Però essi rischiano anche di venir divorati dai voraci ragni, ma riescono a salvarsi grazie al improvviso arrivo della Ford Anglia. Tornati al castello, i due scoprono, in un biglietto trovato nella mano di Hermione, che prima di venir aggredita, aveva risolto il dilemma: il mostro è un Basilisco, un enorme serpente dalle zanne velenosissime capace di vivere per secoli e di uccidere con lo sguardo. Esso era stato messo nella Camera dei Segreti da Salazar Serpeverde un millennio prima. Per una fortunata serie di coincidenze, non è riuscito ad uccidere, ma solo a pietrificare col suo sguardo riflesso, anche se Nick-Quasi-Senza-Testa, pur avendolo visto direttamente negli occhi, essendo già morto non poteva morire di nuovo. Harry, ripensa cosi al racconto di Aragog, capisce che la ragazza uccisa 50 anni prima è in realtà Mirtilla Malcontenta, il malinconico fantasma che infesta uno dei bagni delle ragazze.

Nel frattempo, succede l'impensabile: Ginny Weasley, sorella minore di Ron, scompare, e sul muro viene trovata una seconda terribile scritta che recita "Il suo scheletro giacerà nella Camera per sempre". Harry e Ron appreso che il professor Allock sa come entrare nella Camera, tentano di raggiungerlo per offrirgli il loro aiuto. Quando lo raggiungono nella sua stanza, però, lo trovano in procinto di fuggire. Harry e Ron, furibondi lo costringono ad avventurarsi con loro, Harry riuscendo ad aprire l'ingresso parlando in Serpentese rivolto ad un determinato rubinetto, lo disarmano e costringono a scendere con loro nella Camera dei Segreti.

Messo alle strette, il professore è costretto ad ammettere di essere un bugiardo e di non aver compiuto nessuna delle eroiche gesta di cui si vanta: è abile solo negli incantesimi di memoria, che ha lanciato sui maghi e sulle streghe che erano stati i veri artefici delle imprese in modo da potersene attribuire il merito senza il rischio di essere scoperto. Allock però riesce ad impossessarsi della bacchetta di Ron e tenta di lanciare sui ragazzi un incantesimo di memoria, ma, essendo la bacchetta rotta, l'incantesimo gli si ritorce contro, facendogli perdere la memoria. La bacchetta rotta provoca anche un'esplosione che fa crollare una parete, separando Allock e Ron da Harry, che è così costretto a proseguire da solo. Inoltratosi nella Camera, Harry trova Ginny che sta pian piano morendo, e accanto a lei il fantasma-ricordo del giovane Tom Riddle, che sta invece acquistando forza e vitalità. Il mistero viene finalmente svelato: Tom Orvoloson Riddle è in realtà il vero nome di Lord Voldemort, che si era creato un nuovo nome perché non sopportava di portare lo stesso nome di suo padre. Confessa di essere anche lui l'erede di Salazar Serpeverde, e che era stato lui ad aprire la Camera 50 anni prima e l'aveva di nuovo aperta agendo tramite Ginny.

Ad un certo punto però Ginny aveva capito che c'era qualcosa di malvagio nel diario e aveva tentato di disfarsene l'aveva gettato nel gabinetto, ma il diario ne era uscito illeso, ed era stato allora che Harry l'aveva trovato. Quando la ragazza si era accorta che ce l'aveva lui, spaventata dalle possibili conseguenze lo aveva ripreso rubandolo, e allora Riddle l'aveva costretta a raggiungerlo nella Camera dei Segreti, lasciando un messaggio per attirarvi Harry. Riddle quindi è deciso a uccidere Harry, quindi lo fa attaccare dal Basilisco, che solo lui e nessun altro Rettilofono può controllare, in quanto erede di Serpeverde. Appare cosi Fanny, la fenice del professor Silente, che acceca il Basilisco e porta ad Harry il Cappello Parlante, all'interno del quale Harry riesce ad estrarre la leggendaria la Spada di Grifondoro, e dopo un'estenuante battaglia contro il Basilisco riesce ad ucciderlo. Poiché un dente del Basilisco gli si è conficcato nel braccio Harry rischia di morire a causa del veleno, ma riesce a distruggere il diario, provocando anche l'annientamento del fantasma-ricordo di Riddle, salvando cosi Ginny appena in tempo. Avendo le lacrime di fenice poteri curativi potentissimi Fanny piange sulla ferita la quale riesce a disintossicare Harry dal veleno.

Nell'ufficio di Silente, Harry scopre che la notte in cui Voldemort tentò di ucciderlo e grazie alla protezione di sua madre non ci riuscì, alcune delle sue capacità, vennero involontariamente passate a lui, come parlare il Serpentese. Harry però è ancora dubbioso se lui sia o meno un vero Grifondoro, ma Silente lo convince poiché solo un autentico Grifondoro può estrarre la spada dal Cappello Parlante. Inoltre, Harry intuisce che è stato Lucius Malfoy a far trovare il diario a Ginny, lasciandolo scivolare appositamente nel suo calderone a Diagon Alley. Scopre inoltre che Dobby è l'elfo domestico di casa Malfoy e, grazie ad uno stratagemma, lo libera. Lucius non prendendola molto bene tenta di uccidere Harry pronunciando l'incantesimo "Avada", ma quest'ultimo viene fermato da Dobby, il quale essendo ormai libero ferma il suo ex-padrone. L'anno si conclude con una grande festa, alla quale partecipano anche tutti quelli che erano stati pietrificati che grazie alla Professoressa Sprite la quale ha preparato una pozione per depietrificare tutti.

Differenze tra il libro e il film

Capitolo 2: L'avvertimento di Dobby

Capitolo 3: La Tana

  • Nel libro, Harry quasi dimentica di portare Edvige con lui quando scappa da Privet Drive, 4. Nel film, non dimentica niente.
  • Nel film, i Weasley non degnomizzano il giardino.

Capitolo 4: Al Ghirigoro

  • Nel libro, Arthur Weasley chiede informazioni sulle scale mobili ad Harry. Nel film, chiede come funziona una papera di gomma.
  • Nel libro, Arthur Weasley ripara gli occhiali rotti di Harry. Nel film, è Hermione Granger a farlo, e non potrebbe dato la minore età e la Traccia Magica che ha addosso.
  • Nel Film, la rissa fra Arthur Weasley e Lucius Malfoy al Ghirigoro è stata omessa.

Capitolo 5: Il Salice Schiaffeggiante

  • Nel film, Harry cade dalla Ford Anglia. Nel libro, ciò non succede.

Capitolo 6: Gilderoy Lockhart

Capitolo 7: Sussurri e Sangue marcio

  • Nel libro, Hermione non sa che vuol dire Mezzosangue (o Sanguemarcio nella traduzione nuova), mentre nel film, Hermione è molto offesa dalla parola. Il film usa la vecchia traduzione di Mudblood, Mezzosangue, che causa problemi di comprensione nella storia.

Capitolo 8: La festa di complemorte

Capitolo 9: La scritta sul muro

Capitolo 10: Il Bolide pirata

  • Nel film il libro in cui c'è la Pozione Polisucco è preso da Hermione in un normale scaffale della biblioteca. Nel libro Hermione, adulando il Professor Allock, ottiene un permesso speciale per entrare nel reparto proibito.
  • Nel libro, durante la partita di Quidditch fra Grifondoro e Serpeverde piove. Nel film c'è bel tempo.
  • Nel libro, Draco Malfoy non vede il Boccino d'Oro e Harry lo acchiappa facilmente. Nel film, c'è una gara fra i due Cercatori per prenderlo.
  • Nel libro, Fred e George proteggono Harry dal Bolide pirata. Nel film, Hermione lo distrugge usando Finite Incantatem.

Capitolo 11: Il Club dei Duellanti

  • Nel libro, durante la riunione del Club dei Duellanti tutti gli studenti partecipano. Nel film, sono solo Draco e Harry a duellare, cosa fuori luogo dal momento che Hermione prende un capello essenziale per la pozione Polisucco, proprio mentre duella.
  • Nel libro, quando Harry trova sia Justin Finch-Fletchley che Nick-Quasi-Senza-Testa pietrificati viene scoperto da Peeves, ed è lo stesso a suggerire che sia stato Harry ad attaccarli. Nel Film, Peeves è assente, ed è invece Argus Gazza a incolpare Harry.

Capitolo 12: La Pozione Polisucco

Capitolo 15: Aragog

Capitolo 18: Un premio per Dobby

  • Nel Film verso la fine Lucius Malfoy pronuncia contro Harry la formula Avada Kedavra ma viene interrotto dall'elfo Dobby dicendo solo "Avada". Nel Libro, oltre a non essere esplicitata l'intenzione di uccidere Harry da parte di Lucius, l'Anatema che Uccide viene introdotto solo nel quarto libro.

Poster Ufficiali

Interpreti e doppiatori

Personaggio Interprete Doppiatore
Harry Potter Daniel Radcliffe Alessio Puccio
Ron Weasley Rupert Grint Giulio Renzi Ricci
Hermione Granger Emma Watson Letizia Ciampa
Albus Silente Richard Harris Gianny Musy
Minerva McGranitt Maggie Smith Paola Mannoni
Severus Piton Alan Rickman Francesco Vairano
Rubeus Hagrid Robbie Coltrane Francesco Pannofino
Gilderoy Allock Kenneth Branagh Antonio Sanna
Filius Vitious Warwick Davis
Pomona Sprite Miriam Margoyles
Poppy Chips Gemma Jones
Irma Pince Sally Mortemore
Argus Gazza David Bradley Bruno Conti
Molly Weasley Julie Walters Anna Rita Pasanisi
Arthur Weasley Mark Williams Mino Caprio
Tom Riddle Christian Coulson Marco Vivio
Cornelius Caramell Robert Hardy Sandro Pellegrini
Fred Weasley James Phelps Lorenzo De Angelis
George Weasley Oliver Phelps Lorenzo De Angelis
Ginny Weasley Bonnie Wright Erica Necci
Percy Weasley Chris Rankin Emiliano Coltorti
Colin Canon Hugh Mitchell
Alicia Spinnet Rochelle Douglas
Angelina Johnson Danielle Tabor
Dean Thomas Alfred Enoch
Katie Bell Emily Dale
Lavanda Brown Kathleen Cauley
Lee Jordan Luke Youngblood
Neville Paciock Matthew Lewis Gabriele Patriarca
Oliver Wood Sean Biggerstaff Stefano Crescentini
Seamus Finnigan Devon Murray Alessio Ward
Ernie Macmillan Louis Doyle (non parla)
Hannah Abbott Charlotte Skeoch
Justin Finch-Fletchley Edward Randell
Susan Bones Eleanor Columbus (non parla)
Penelope Light Gemma Padley
Draco Malfoy Tom Felton Flavio Aquilone
Gregory Goyle Josh Herdman
Vincent Crabbe Jamie Waylett
Millicent Bulstrode Helen Stuart
Adrian Pucey Scot Fearn
Marcus Flint Jame Yeates
Signor Borgin Edward Tudor-Pole
Young Rubeus Hagrid Martin Bayfield
Armando Dippet Alfred Burke
Nick-Quasi-Senza-Testa John Cleese Dario Penne
Mirtilla Malcontenta Shirley Henderson Ilaria Stagni
La Dama Grigia Nina Young (non parla)
Vernon Dursley Richard Griffiths Paolo Lombardi
Petunia Dursley Fiona Shaw Melina Martello
Dudley Dursley Harry Melling Fabrizio De Flaviis
Signora Mason Veronica Clifford
Signor Mason Jim Norton
Signor Granger Tom Knight
Signora Granger Heather Bleasdale
Dobby Toby Jones (voce) Nanni Baldini
Aragog Julian Glover (voce) Renato Mori


File:Rendercmsfield.jpg
Il film Harry Potter e la Camera dei Segreti è l'adattamento cinematografico dell'omonimo libro, secondo episodio della serie di magia di Harry Potter, scritta da J.K. Rowling. Il regista del film è Chris Columbus ed è distribuito dalla Warner Bros. Il produttore è David Heyman, le sceneggiature sono di Steven Kloves.

Produzione

La pre-produzione del film è stata fatta nel luglio 2000, ancora prima che il primo film debutasse nelle sale. Le riprese del secondo film iniziarono il 18 novembre 2001, esattamente 3 giorni dopo l'uscita del primo film nelle sale. Le riprese terminarono il 26 luglio 2002. Il budget fu di circa 100.000.000 di dollari.

Box Office

Anche il secondo film della saga di J.K. Rowling ottenne un ottimo incasso internazionale, circa 876.700.000 $; negli USA la pellicola ha incassato circa 261.988.482 $, mentre in Italia circa 20.899.026 €. Nonostante l'ottimo incasso non riesce a battere il record internazionale fatto dal primo film.

Edizione home video

Il film è stato messo in commercio in DVD e VHS in italiano il 9 aprile 2003; in DVD sono state realizzate due edizioni: una a disco singolo e una a disco doppio. Nel 2007 è stata distribuita la versione del film ad alta definizione in Blu-Ray Disc.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale